Martedì Santo

“Uno di voi mi tradirà”

Gv 13,21-33.36-38

 

 

† Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Parola del Signore

 

Senza Dio la fragilità dell’uomo è incline al tradimento e al rinnegamento: Giuda e Pietro due apostoli che hanno sperimentato sulla propria pelle i frutti amari del peccato. Due moniti per i cristiani di oggi che si alternano tra il tradimento delle proprie radici cristiane e il rinnegamento della propria identità di fede.

Che cosa l’uomo può pretendere di donare a Dio? Quale consolazione o linimento? Nessuno, è evidente.

Proprio nel momento più solenne della vita di Cristo, assistiamo all’abbandono dei suoi più cari amici: gli apostoli.

Il cuore di Giuda è ormai avvolto dalle tenebre, accecato dal fumo di Satana che propone una salvezza alternativa a quella della croce. Il cuore di Pietro invece è pauroso e supponente, ancora una volta non riesce ad abbandonarsi totalmente a Gesù, a credere in lui senza anteporre perplessità.

Il Vangelo del martedì della Settimana Santa ci fa riflettere sulla figura di questi due uomini per metterci in guardia e destarci dal sonno. Giuda e Pietro hanno il volto dell’umanità, di coloro che pretendono di tracciare la via al Signore. Giuda e Pietro possiedono il volto di ciascuno di noi!

Sulla strada del Calvario non ci sono deviazioni, il discepolo prosegue deciso al fianco del Maestro fino al Golgota, deviare comporta il tradimento, il rinnegamento o l’abbandono.

Malgrado l’esempio di debolezza assoluta di Giuda e Pietro, Cristo viene glorificato ugualmente, davanti al rifiuto dell’uomo, il Padre interviene con potenza e non lascia solo il Figlio.

La glorificazione attraverso la crocifissione di Gesù salva Pietro, lo spinge a versare lacrime di pentimento, avviene in lui una purificazione profonda che lo segnerà per tutta la vita.

Giuda invece si perde, in lui non c’è compunzione ma solo disperazione, tristezza e rabbia.

Non trova sollievo nello sguardo di Cristo ma preferisce risolvere tutto con un pezzo di fune che userà per togliersi la vita. Giuda è perso per sempre, è il triste epilogo di chi non accoglie Cristo. La vita umana è una, così come la vita di grazia, non ci vengono concessi tempi supplementari o seconde opportunità.

Riflettiamo oggi su queste verità, affinché anche noi possiamo giungere alla Pasqua profondamente purificati.

 

 

Credit: qumran2.net

 

2019-04-16T07:44:07+00:00

Lascia un Commento